Domande frequenti

IMPOSTE PER CHI ACQUISTA CASA

Acquisto con utilizzo delle agevolazioni “prima casa"

Se si acquista da un privato, l'imposta di Registro è pari al 2% (minimo 1000,00 €), oltre a 100,00 € per imposte fisse; se si acquista da un'impresa, l'IVA è al 4%, oltre a 100,00 € per imposte fisse. Tali percentuali si applicano al valore catastale nel caso di acquisto da un privato, sul prezzo denunciato a rogito in caso di acquisto da impresa.


Per poter usufruire delle agevolazioni “prima casa” è indispensabile:

-        acquistare un'abitazione non di lusso da adibire ad abitazione principale;

-        non possedere sul territorio nazionale altra abitazione, neppure in quote, già acquistata con agevolazioni “prima casa”;

-        non essere titolare esclusivo, o in regime di comunione legale col coniuge, di altra abitazione nel Comune ove si acquista;

-        stabilire la residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile entro diciotto mesi dall'acquisto; oppure acquistare nel Comune in cui viene svolta la propria attività di lavoro o di studio.

-        non vendere l’immobile acquistato, prima di cinque anni, a meno che, entro un anno dalla vendita, non se ne acquisti un'altra da adibire ad abitazione principale.

L'onorario notarile è a carico dell'acquirente.

 

IMPOSTE PER CHI VENDE CASA

Il venditore, nella maggior parte dei casi, non deve versare nessuna imposta.

Nel caso in cui l'immobile venga venduto entro cinque anni dall'acquisto, senza essere stato adibito ad abitazione principale per la maggior parte del periodo di possesso, l'operazione dà luogo a plusvalenza ai fini IRPEF.

Nel caso in cui l’immobile sia pervenuto per successione, è dovuto l’imposta per l’accettazione tacita dell’eredità.